An Egyptian demonstrator: Thank you Facebook


On Friday, NBC News's chief foreign correspondent Richard Engel tweeted a photograph of an Egyptian demonstrator holding up a sign that reads, according to Engel, "Thank you Facebook."
Only the word "Facebook" is written in English on the demonstrator's sign, and while Engels claims that the Arabic writing says "thank you,"@chickgonebad left the following comment on the photo: "For what it's worth, a friend fluent in Arabic tells me 'It says thank you youth of Egypt.'"
Citizens involved in Egypt's anti-government uprising have used social networks like Facebook and Twitter to organize and communicate with the rest of the world, despite the Egyptian government's attempt to ban the networks. Even during Egypt's five-day Internet blackout, Egyptians found innovative ways to get back online.
At the time of this tweet, Engel was in Cairo's Tahrir Square, where a massive crowd has gathered to demand that President Hosni Mubarak step down.





Venerdì il capo corrispondente estero dell' NBC Richard Engel ha twittato una fotografia di un dimostrante Egiziano che teneva un cartello con scritto "Grazie Facebook." 


Secondo Engel. Nel cartello del dimostrante solo la parola Facebook è scritta in Inglese, e mentre Engel sostiene che la scritta in Arabo recita "Grazie", un utente Twitter ha lasciato il commento successivo alla foto: " Per quel che vale, un amico che parla Arabo correntemente mi ha detto: "E dice grazie giovani d' Egitto."


I cittadini coinvolti nella rivolta contro il governo Egiziano hanno utilizzato le reti sociali come Facebook e Twitter per organizzare e comunicare con il resto del mondo, a dispetto del tentativo del governo Egiziano di bloccare le reti. Anche durante il black-out di internet durato cinque giorni, gli Egiziani hanno trovato il modo innovativo di tornare online.


Al momento del tweet, Engels si trovava in Piazza Tahrir, dove una folla enorme si è radunata per chiedere le dimissioni di Mubarak.


Drawn from Huffington Post