Si profila minacciosamente una guerra globale per l'energia

Ecco un grafico allarmante su cui riflettere. HSBC ha calcolato cosa succederebbe al consumo di energia entro il 2050 date previsioni plausibili per la crescita economica e supponendo che non ci siano limiti alle risorse, o che gli esseri umani continuino ad utilizzare l'energia nel modo "dato per scontato" come fanno al momento.


Come si può vedere nel grafico (clicca per ingrandire), la domanda in Cina, India e negli altri mercati emergenti vola, ma c'è anche una crescita abbastanza rilevante delle economie avanzate. Il quadro generale è che con un ulteriore miliardo di automobili sulla strada, la domanda di petrolio dovrebbe crescere da 110 a più di 190 milioni di barili al giorno. La domanda globale di energia aumenterà di un ordine di grandezza simile, raddoppiando la quantità di carbonio nell'atmosfera e per più di tre volte e mezzo l'ammontare dei cambiamenti climatici, gli scienziati pensano che si possano comunque mantenere le temperature a livelli di sicurezza.


C'è quasi bisogno di dire che a prescindere dalle conseguenze ambientali, le industrie energetiche stenterebbero a farvi fronte, e più probabilmente sarebbe impossibile. Si può o non si può essere già pericolosamente vicino al picco del petrolio - o al massimo della capacità produttiva - ma nessuno crede che l'industria potrebbe produrre il doppio di quello che fa al momento, per quanto intelligente diventa nell'attingere alle riserve in precedenza non commercializzate o inaccessibili.


Se qualcosa non può accadere, non accadrà, così tutte le previsioni di crescita nel mondo in via di sviluppo sono solo una questione di pio desiderio che saranno presto deluse dai limiti dell' energia finita? Non necessariamente, dice il team economico di HSBC. Il mondo può ancora ospitare una crescita elevata, ma solo se vi è un cambiamento nel comportamento collettivo, tra cui una maggiore efficienza energetica, un grande cambiamento nel mix energetico, un urgente sviluppo di tecnologie di cattura del carbonio in modo da limitare i danni derivanti dall'utilizzo dei combustibili fossili.


Come ho scritto più volte in precedenza, il grande premio va qui agli Stati Uniti, dove l'uso pro capite di petrolio è molto più alto che in qualsiasi altra parte del mondo. Se questo consumo si riducesse ai livelli europei, come è perfettamente possibile senza danni per gli standard di vita, sarebbe come rimuovere una fonte di domanda pari all'intera produzione attuale di petrolio dell'Arabia Saudita.


Così dovrebbe essere effettivamente possibile ospitare l'ascesa della Cina e degli altri mercati emergenti, senza esaurire le risorse o distruggere il pianeta. Ma è andando a richiedere una grande volontà collettiva, di un tipo di cui gli Stati Uniti e altri non sono stati disposti a contemplare fino ad ora.


La causa più comune dello shock dei prezzi dell'energia è l'interruzione dell'approvvigionamento. E' il timore di una tale distruzione, a causa delle turbolenze in Medio Oriente, che sta guidando il prezzo del petrolio in questo momento. Ma in futuro è molto più probabile che sia la pressione della domanda sull'offerta limitata. Non importano gli sviluppi in Nord Africa e altrove nella regione. Questa è una bagattella rispetto a ciò a cui si può arrivare. Queste tensioni sulla domanda potrebbero creare una molto più ampia instabilità geo-politica, con conseguenze intercontinentali potenzialmente catastrofiche.


Il prezzo dell'energia sarà di per sé, naturalmente, portato ad una maggiore efficienza e una crescita più lenta, ma può anche richiedere qualcosa di ben più traumatico per portare le nazioni ai loro sensi e galvanizzare al necessario cambiamento nel comportamento collettivo. Ci stiamo rapidamente avvicinando ad un'era in cui l'energia dovrà essere razionata. Questo può essere fatto in modo pacifico, o possiamo andare avanti come facciamo, nel qual caso è fin troppo probabile che finisca per essere risolto con la canna di una pistola.


Tradotto da un articolo di Jeremy Warner, vicedirettore del Daily Telegraph