La Juve batte la Roma: Storari super


Roma, 4 aprile – Il posticipo della 31° giornata di serie A si conclude con la vittoria della Juve sulla Roma. La partita è iniziata a ritmi elevatissimi con continui cambi di fronte e anche parecchi errori delle due squadre a centrocampo. Nel secondo tempo è subentrata la stanchezza e i bianconeri hanno finalizzato al meglio le occasioni avute; la squadra capitolina si è trovata di fronte un grande Storari che ha letteralmente salvato i suoi più di una volta.

La Juventus – senza Del Piero, Chiellini e Buffon – soffre all’inizio la velocità di manovra dei giallorossi che fanno girare il pallone molto bene. Le emozioni iniziano con Krasic che al 5’ serve Pepe, ma il suo tiro esce di poco. Al 9’ minuto è Vucinic che si rende pericoloso con uno slalom tra la difesa avversaria che lo porta al tiro: Storari gli nega la gioia del gol.

Sempre il portiere della Juve si rende protagonista di altre due parate davvero provvidenziali per la sua squadra: la prima al 30’ quando Vucinic pesca Totti in area di rigore, il capitano della Roma da posizione defilata tira al volo ma l’estremo difensore compie un miracolo; la seconda al minuto 46’ su conclusione da fuori area di De Rossi.

Al 34’ è Grosso che cerca il gol di testa in girata ma manda alto il pallone. Sul finale del primo tempo i  bianconeri provano a pungere con Matri in contropiede che però si fa murare da Doni.
La svolta arriva al 15’ del secondo tempo, la Roma accusa la stanchezza e la Juve ne approfitta. Grosso arriva sul fondo dove temporeggia e poi serve un pallone d’oro a Krasic che tira al volo e porta in vantaggio la sua squadra.

Al 20’ minuto è ancora Juve: Matri in contropiede trova un Doni superbo che nella stessa azione nega il gol a lui e poi a Pepe. Al 24’ Pepe conclude ma Doni blocca senza troppi problemi. I giallorossi rispondono con Menez che sulla destra entra in rea e scarica il destro centrando la traversa, sul rimpallo Vucinic non riesce a controllare e tira debolmente.

Al 28’ la Juve attacca con Krasic, servito da Aquilani, che trova di fronte a sé Doni in una parata analoga a quella di Storari su Totti. Al 29’ la Juve raddoppia con Matri che si trova a tu per tu con Doni per una svista di Juan che lo tiene in gioco.

Prima sconfitta per Montella che vede la sua Roma sprecare l’occasione di avvicinare la zona Champion’s in una giornata che ha visto le sconfitte di Lazio e Udinese. La partita termina con le dichiarazioni di Storari che vuole un posto da titolare e con Del Neri che replica dicendo che il titolare alla Juve è ancora Buffon.