Crescita della popolazione mondiale: le stime per il 2100

Il grafico sull'incremento demografico mondiale mostra una grande crescita della popolaziona africana



Il 3 maggio, l'ONU ha presentato il suo aggiornamento biennale della popolazione mondiale, che include delle proiezioni. I numeri mostrano piccole modifiche dal 2008. La popolazione mondiale potrebbe raggiungere i 7 miliardi nell'ottobre del 2011, e non nella primavera del 2012.




E potrebbe ancora aumentare nel 2100, passati i 10 miliardi, invece di iniziare ad appiattirsi da allora. Ma i cambiamenti più drammatici sono nazionali, non globaliLa popolazione americana, ora di  310 milioni, è destinata ad aumentare a 400 nel 2050 e a 478 nel 2100.


La popolazione cinese dovrebbe scendere di 400 milioni di unità da qui al 2100. Quella russa è oggi di 142 milioni; l'Afghanistan ha un quinto degli abitanti della Russia;  il Niger appena un decimo. Ma si prevede che, entro il 2100, l'Afghanistan avrà la stessa popolazione della Russia (111m) e il Niger sarà più grande.


Tali previsioni devono essere prese con le dovute riserve: piccoli spostamenti del tasso di natalità di oggi estrapolati su 90 anni producono enormi cambiamentiMa il quadro generale è probabilmente giusto.


L'attuale popolazione africana, di 856 milioni, è poco più di quella europea e un quinto di quella asiatica. Entro il 2050 potrebbe essere il triplo di quella europea e nel 2100 potrebbe anche essere tre quarti di quella asiatica. Secondo qualsiasi criterio, l'Africa è di gran lunga il continente che sta crescendo in modo più rapido.


Tradotto da un articolo dell'Economist